La vera storia di American Sniper

Featured image


American Sniper è stato un memoir di successo e un film eclatante diretto da Clint Eastwood su una figura controversa e affascinante come l'ex Navy SEAL, veterano della guerra in Iraq, Chris Kyle.
Lo 
sniper (cecchino) più micidiale di tutta la storia dell’esercito americano.
Ovviamente nell'immaginario collettivo, soprattutto americano la figura dell'eroe di guerra si è stagliata netta, incidendo profondamente anche sui giudizi metodici e morali da tutte le fazioni valutanti il personaggio e l'operato.
Soprattutto dopo che i
l 2 febbraio 2013, Chris Kyle viene ucciso da un altro veterano, Eddie Ray Routh. L’omicidio si svolge su un campo di tiro, a Stephenville, Texas.

Il 29 ottobre esce una graphic novel dal tratto epurato e potente, un documentario che ricostruisce tutto quello che è stato detto e filmato su Chris Kyle e il suo assassino con una narrazione asciutta e imparziale: L'UOMO CHE UCCISE CHRIS KYLE.

Viene evidenziato lo spettacolo affascinante della costruzione di una leggenda e di tutto quello che non è stato raccontato nel film di Clint Eastwood: su Eddie, sul migliore amico di Chris che morì insieme a lui, sul fatto che Chris si vantava di aver ucciso civili americani che saccheggiavano case durante il passaggio dell’uragano Katrina. Una storia amara come una tragedia greca interpretata da figure non protagoniste; dalla moglie Taya – che ha continuato a vivere nella leggenda di suo marito – a Eddie, l’ex marine mai sceso in campo in guerra ma che ha premuto il grilletto sul suo idolo. Un libro sul crimine e sulle sue conseguenze.
Opera certamente affascinante e che vi consiglio di leggere se amate il genere e se volete un altro tassello sulla vicenda.

ALEX PIETROGIACOMI – L’ALCHIMISTA, OGNI MERCOLEDÌ ALLE 11.30 E IN REPLICA ALLE 17.00